Oggi alle 11.45 con la ditta Peverelli srl abbiamo terminato di smontare nelle sue componenti la città Nursery. Ogni singolo elemento torna nel luogo d’origine. Timi, mente, lavande, rosmarini, erbe cipolline, origani, le rose, sambuchi e amelanchier e, il grande ciliegio torneranno in vivaio. Il compost nel cumulo da dove è stato sottratto. La ghiaia pure. Il telaio in legno certificato PEFC, scomposto in ogni singolo elemento è pronto per essere reimpiegato. Gli air pot sono tornati in vivaio. Il prato verrà rigenerato forse anche con i semi di Agrostide che abbiamo lasciato per il ripristino del prato (l’Organizzazione ha richiesto ad ogni partecipante una quantità di semi – un miscuglio tipo – pari all’area utilizzata). Le lamiere di alluminio… sicuramente vivranno una nuova vita… magari artistica. Questo lavoro sarebbe stato impossibile senza l’apporto, il coinvolgimento, la passione di molte persone. Ringrazio innanzitutto la ditta Peverelli srl e il dott. Cesare Peverelli in primis per aver creduto nel progetto. Per averlo realizzato curandone ogni aspetto raggiungendo un risultato più che ottimo. Ringrazio Stefano, Bartolo e Antonello per il lavoro duro, l’esperienza e la simpatia. Ringrazio Massimo e Maurizio della Lattoneria Legnanese per il lavoro perfetto e veloce. Ringrazio Erica per la passione infinita, l’energia, il tempo e i mezzi che ha messo nel progetto e nella realizzazione. Ringrazio Elena per aver curato costantemente l’installazione in questi giorni dal tempo incerto (compresi quelli di vento). Ringrazio i bambini e le mamme che si sono divertiti con la Biberon Experience. E’ sempre bello sapere che prendersi cura di una pianta, semplicemente dandole da bere, appassioni e diverta così tanto. Ringrazio l’Organizzazione e in particolar modo Marina D’Alba, sempre disponibile. Ringraziamo anche il Comune di Monza che ha messo a disposizione lo spazio, alle porte di un luogo tanto prezioso. GRAZIE

Prima recuperiamo le aromatiche
Prima recuperiamo le aromatiche
Intanto recuperiamo anche la ghiaia
Intanto recuperiamo anche la ghiaia
Intanto recuperiamo anche la ghiaia
Intanto recuperiamo anche la ghiaia
Il primo campo è stato sgomberato
Il primo campo è stato sgomberato
Dagli Air Pot recuperiamo le altre aromatiche
Dagli Air Pot recuperiamo le altre aromatiche
I sambuchi sono bellissimi
I sambuchi sono bellissimi
Le rose.... rosa
Le rose…. rosa
Recuperiamo il compost
Recuperiamo il compost
Il primo Air pot è libero
Il primo Air pot è libero
L'allestimento comincia a cambiare faccia
L’allestimento comincia a cambiare faccia
La città nursery è suddivisa in parti che ritornano nella loro collocazione originale
La città nursery è suddivisa in parti che ritornano nella loro collocazione originale

20130604 - Valerio Cozzi - Città Nursery - smontaggio (11)_1

E1: la fodera sta per essere sbullonata dalla sorella.
E1: la fodera sta per essere sbullonata dalla sorella.

20130604 - Valerio Cozzi - Città Nursery - smontaggio (13)_1

20130604 - Valerio Cozzi - Città Nursery - smontaggio (14)_1

Le viti verdi di plastica, svitate lasciano srotolare il nastro nero
Le viti verdi di plastica, svitate lasciano srotolare il nastro nero

20130604 - Valerio Cozzi - Città Nursery - smontaggio (16)_1

Il ciliegio è libero
Il ciliegio è libero
... tornerà nel vivaio...
… tornerà nel vivaio…
i nastri neri torneranno in vivaio pronti per un nuovo utilizzo
i nastri neri torneranno in vivaio pronti per un nuovo utilizzo
la ghiaia è stata quasi tutta recuperata
la ghiaia è stata quasi tutta recuperata
le fodere impilate e le lamiere nere raggruppate
le fodere impilate e le lamiere nere raggruppate
solo pochi mastelli di compost
solo pochi mastelli di compost
la traccia 5x5 dell'area di allestimento. Forse sarebbe stato meglio un'area dedicata anziché risistemare il prato (che non è morto) ogni volta. A compensazione, l'Organizzazione ha richiesto una quantità di semi di prato equivalente. Noi abbiamo lasciato un sacco di semi di Agrostide.
la traccia 5×5 dell’area di allestimento. Forse sarebbe stato meglio un’area dedicata anziché risistemare il prato (che non è morto) ogni volta. A compensazione, l’Organizzazione ha richiesto una quantità di semi di prato equivalente. Noi abbiamo lasciato un sacco di semi di Agrostide.